Gli strumenti digital permettono di integrare l’attività offline e online con un’opportunità unica rispetto al passato: possiamo misurare con estrema precisione qualsiasi attività svolta. Visto l’interesse suscitato nella nostra ultima newsletter rispetto alle novità in arrivo su WhatsApp, abbiamo deciso di approfondire anche questo aspetto.

Partiamo da Facebook, con due attività che portiamo avanti da un po’ di tempo con alcuni nostri clienti e che possono essere attivate a richiesta.

Gli eventi su Facebook, ovvero come potenziare le giornate promozionali.

La sezione “eventi” di Facebook è una vera e propria agenda mondiale all’interno della quale puoi trovare tutti gli appuntamenti più interessanti di una determinata località che si auto-aggiorna in base ai tuoi interessi. Proprio per questo motivo, pubblicare come evento condiviso la giornata promozionale si è rivelato un ottimo supporto digitale. Prima del lockdown in media qualsiasi giornata promozionale pubblicata attraverso la nostra pagina Facebook e i nostri partner raggiungeva una media di 360 persone, lì dove invece si organizzano iniziative coinvolgendo anche associazioni locali si può tranquillamente raggiungere fino a 10.000 persone. La locandina dell’evento può essere inviata al proprio database clienti e stampata, soprattutto per preparare i clienti abituali.

Se poi si decide di investire anche una cifra irrisoria per aumentarne la visibilità, potete moltiplicare la portata della giornata promozionale fino a un +400%.

Come conoscere uno per uno i tuoi clienti, anche quelli che non hai mai visto prima

Sempre utilizzando lo strumento “eventi” è possibile veicolare utenti nel registrarsi al proprio sito per sapere in anticipo quali prodotti intendono acquistare durante la giornata promozionale ed entrare in contatto diretto con loro. Se ben pianificata, questa azione permette di conoscere anche quei clienti curiosi che a volte entrano senza fare nessun acquisto, avere il contatto diretto dei propri clienti più affezionati e poterli raggiungere, consigliare e “coccolare” quando ci dimentichiamo di loro, ovvero poco prima e subito dopo il loro acquisto. Stiamo per lanciare in questa direzione ulteriori strumenti che vi saranno proposti entro settembre.

Impareggiabile anche da questo punto di vista le statistiche che ti vengono fornite, con dati precisi su chi mostra interesse per la giornata promozionale proposta e anche su chi ti fornisce una sorta di “impegno” a partecipare.

 

evento base

Facebook Brands Collabs Manager

Come avviene già con Instagram con i post brandizzati segnalati dalla piattaforma, le attività fatte in collaborazione tra due o più attività viene riconosciuta ed evidenziata in maniera diversa sul social network più frequentato al mondo.

L’esempio più chiaro in tal senso, è quello realizzato in collaborazione con il Comune di Erice. Immaginate un’operazione del genere con la vostra attività e notate il numero in basso, sulla quantità di persone raggiunte con una piccola spinta a pagamento del post. Non esiste cartellonistica al mondo in grado di darvi con questa precisione il dato esatto di persone che hanno visto la vostra comunicazione ed è in grado di dirvi con assoluta certezza chi risulta più attratto da ciò che volete comunicare.

strumenti digital

WhatsApp Business

Tra gli strumenti digital indispensabili per chi vuol gestire rapidamente il rapporto con i propri clienti, abbiamo WhatsApp che nella sua versione Business offre diversi spunti in più, tra cui:

  1. Possibilità di messaggi automatici in base agli orari di apertura e chiusura
  2. Catalogo prodotti
  3. In arrivo, il pagamento diretto dei prodotti in catalogo
  4. Liste broadcast, esistenti anche sul normale WhatsApp ma con la possibilità di usarla con liste di clienti

La prima funzione è molto simile a quella attiva sulle pagine Facebook con la possibilità di precompilare risposte automatiche e risposte veloci.

La seconda funzione relativa ai cataloghi permette di avere un piccolo e-commerce su WhatsApp, esportabile tramite un link dove volete e da inviare a chi volete. Il lockdown ci ha insegnato come la comunicazione immediata sia molto importante e farlo in modo professionale diventa un’esigenza soprattutto per chi lavora nel pet food.

Il modo professionale di farlo è con la lista broadcast: inserisco fino a 256 contatti per lista (immaginate una lista per i fornitori, una per pet owner cani, una per pet owner gatti, etc…) e invio a tutti loro un’unica comunicazione identica ma che arriva singolarmente ad ognuno di loro. Posso vedere chi visualizza ed apre il messaggio ma a differenza dei gruppi, la comunicazione rimane personale, one to one, come spiegato in questo tutorial.

Per il pagamento diretto tramite WhatsApp i primi esperimenti in alcuni paesi sono già partiti ma entro l’anno, questa funzione sarà integrata in tutti i nostri cellulari dotati di WhatsApp.

Strumenti digital avanzati

Non abbiamo citato le decine di applicazioni possibili con gli strumenti professionali per l’invio di e-mail che permettono di inviare mail automatiche nel tempo ai propri clienti, né le possibilità offerte anche da WhatsApp per sondaggi istantanei a quei clienti che usufruiscono di una promozione ma per i “pionieri digitali” segnaliamo altre due possibilità:

  • La realtà aumentata per creare corner-shop e visualizzare le scaffalature:

Questo tipo di tecnologia per il momento è sfruttata da aziende del settore moda e arredamento ma permette con un cellulare in mano di progettare e visualizzare immediatamente lo spazio all’interno della propria attività per definirla rapidamente e sempre più nel dettaglio.

 

 

 

liste broadcast
  • Tag NFC

Immagina un “cerotto” che a contatto con il cellulare ti permette di inviare automaticamente messaggi, sms, mail, condividere i vostri contatti, accendere e spegnere luci, mandare un segnale alla cassa che vi segnala l’acquisto ancora prima che il cliente arrivi alla cassa e vi permetta di velocizzare la fila e tanto, tanto altro ancora. Il tag NFC è uno strumento a bassissimo costo, facilmente reperibile sul mercato con il quale è possibile sviluppare tantissime soluzioni a patto di sapere esattamente il risultato che si vuole ottenere.

Non occorrono neanche tante competenze tecniche ed è la tecnologia alla base dei negozi immaginati da Amazon per conquistare il mercato retail del futuro.